Il giro del mondo a piedi. Si parte!

Categoria: Testimonial Visite: 79

Il giro del globo, rigorosamente a piedi, con l’aiuto dell’integratore energizzante Green Magma. Scopri l’avventura di Nicolò Guarrera!

Nicolò Guarrera aka Pieroad, vicentino classe 1993, ha da poco iniziato un’avventura che sembra uscita dallo schermo del cinema: sta facendo il giro del mondo, A PIEDI.

Scoprire la Terra in un lungo, lento cammino richiede coraggio, preparazione e forza di volontà. Royal Nature lo supporta in questo viaggio indimenticabile con una fornitura di Green Magma in bustine monodose, che l’ha accompagnato passo a passo nella sua attraversata della Francia, nel settembre 2020.

Ne abbiamo approfittato per chiedergli di rilasciare una piccola intervista.

Ciao, Nicolò! Dove ti trovi adesso?

Ho da poco superato Tolosa [al 22 settembre, NdR]. Fra circa una settimana arriverò in Spagna. Poi, da lì, farò il grande salto verso l’America Centrale e proseguirò in America Latina.

Quanto pensi di metterci a fare il giro del mondo?

Credo che ci vorranno circa 3 anni e mezzo, ma molto dipende dagli imprevisti che troverò lungo il cammino e anche dalla situazione del Covid. Bisogna vedere quali frontiere rimarranno aperte in inverno.

Com’è nata l’idea di fare il giro del mondo a piedi?

È frutto di un lungo processo interiore iniziato almeno vent’anni fa, ma che ha preso definitivamente forma nel 2018. Ho tirato le somme su ciò in cui credo, ciò di cui sono capace e ciò che concretamente sarei riuscito a fare. Se siete curiosi, sul mio canale YouTube descrivo con calma le motivazioni che mi hanno spinto a partire...

Immagino che tu sia uno sportivo.

Meno di quel che sembri! Ai tempi della scuola ho praticato per qualche anno nuoto e pallacanestro. Alle superiori mi sono appassionato di atletica, anche grazie a un bravo allenatore. È stato lui a darmi l’impostazione di base che porto avanti ancora oggi, non solo per la corsa in sé, ma anche per lo stretching, la cura del corpo e l’alimentazione. Dopo il liceo ho solo camminato e corso per conto mio, ma mai a livello agonistico.

Come hai scelto l’itinerario per fare il giro del mondo?

Su un piatto della bilancia ho messo la curiosità che provo verso certi Paesi e il desiderio di visitarli. Sull’altro ho messo la fattibilità di un viaggio rigorosamente a piedi, perciò ho dovuto escludere Stati con guerre o conflitti interni. Infine, il mio obiettivo era fare un vero giro del mondo, toccando quanti più continenti possibile.

Quali sono le sfide che hai dovuto affrontare finora nel tuo viaggio a piedi?

Tutti i giorni parto e non sono sicuro del posto in cui terminerò la giornata, perché dipende da quanto riesco a percorrere. Di conseguenza, trovare da dormire ogni giorno è una sfida… Quando decido di dormire in tenda, poi, devo assicurarmi di trovare un luogo adatto, sicuro e al riparo dagli agenti atmosferici.

In Francia ho sentito un po’ la barriera linguistica, ma riesco comunque a farmi capire.

A livello fisico, per ora, sto reggendo bene. Riesco a fare anche 50 km al giorno, mi sembra un buon risultato. Sono curioso nei confronti del mio corpo: voglio capire fino a quanto posso spingermi e come risponde il fisico il giorno successivo.

Hai assunto Green Magma per alcune settimane: come ti sei trovato?

Non l’avevo mai provato prima e ho constatato un miglioramento nella fase di recupero. Dopo una lunga tappa riesco a recuperare meglio e più in fretta rispetto a quanto non farei normalmente, grazie all’effetto energizzante e ricostituente di Green Magma, che è ricchissimo di sali minerali e micronutrienti.

Bene, questo ce lo disse anche Marco Olmo, l’ultramaratoneta storico utilizzatore di Green Magma! Ma dicci un po’, è comodo da portare in giro?

Sì, assolutamente, perché le bustine monodose di Green Magma occupano pochissimo spazio, che per me è un aspetto fondamentale. Inoltre si possono assumere anche direttamente, senza mischiarle con acqua, e questo per me è un altro bel vantaggio.

Apprezzo molto il fatto che sia vegano e naturale al 100%, senza edulcoranti e senza additivi. L’ho assunto tutti i giorni per un tratto di circa 2 settimane in Francia e mi è piaciuto molto.

Bene, Nicolò! Ti auguriamo buona fortuna e buon cammino!

Scoprite il giro del mondo a piedi di Nicolò Guarrera aka Pieroad su www.pieroad.it